Tag Archives: nominati

Legge elettorale: promesse, impegni e chiacchiere

5 Giu

Chi ha detto:

  1. “Vogliamo dimezzare subito il numero e le indennità  dei parlamentari  e sceglierli noi con i voti, non farli decidere a Roma con gli inchini al potente di turno” (18 ottobre 2010);
  2. “Occorre una legge elettorale per scegliere direttamente gli eletti  e un tetto di tre mandati parlamentari, senza eccezioni” ( 3 aprile 2011);
  3.  “L’importante è dare ai cittadini la possibilità di scegliere liberamente, non necessariamente di incasellarsi in destra o sinistra. Comunque la pensi, puoi scegliere chi votare di volta in volta in base alla personalità di chi si candida, delle idee che esprime, del programma” (7 novembre 2012); 
  4. “La nuova legge elettorale consenta ai cittadini di scegliere i parlamentari in modo libero, come succede nei Comuni. I partiti devono consentire alla gente di scegliersi le persone, perché un cittadino possa guardare in faccia i propri rappresentanti. Poi se fa bene lo conferma, se fa male lo manda a casa e magari i politici proveranno l’ebbrezza di tornare a lavorare, che non è un’esperienza mistica, la fanno tutti gli italiani e possono farla anche i politici che perdono le elezioni” (26 aprile 2012);
  5. “Firmo per cancellare la vergogna del Porcellum, un meccanismo per cui non importa essere bravi o avere voti, basta essere fedeli e obbedienti al capo corrente e si va in Parlamento. La classe parlamentare è fatta di dirigenti cooptati, cioè messi lì per andare a fare i parlamentari tanto non c’è bisogno dei voti, perché i voti li prende la lista. Io credo che questo sistema non vada bene”(16 settembre 11) ?

 

====================

>Pubblicità

I racconti, le storie brevi, sono come quegli sguardi lanciati da una finestra aperta che permettono di vivere quanto accade giù nella strada, nella vita di tutti i giorni, di immaginare i pensieri dell’ignoto passante o il dialogo dell’altrettanto ignota coppia mentre vengono percorsi i pochi metri che la visuale consente.
In questi dieci racconti c’è quasi sempre Roma, come sfondo o protagonista, ma i personaggi, con le loro personalità, le manie, le loro storie personali, potrebbero esistere ovunque: per conoscerli, e conoscere le loro storie, basta affacciarsi a questa finestra.

http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/racconti/322551/la-finestra-aperta-3/

 

Le balle, i creduloni e i fatti: alcune verità sulla riforma del Senato

4 Apr

Senatori eletti o nominati?
Il nuovo Senato come il Bundesrat tedesco?
Avremo un grande risparmio col nuovo Senato?
E’ sbagliato parlare di ‘svolta autoritaria’?

A queste ed altre domande risponde con questo esauriente post Alessandro Gilioli, che ringrazio vivamente.

‘Guardare al futuro’ disse il gambero, camminando (come sarà il prossimo Parlamento)

1 Apr

Sono sette anni che gli elettori si sgolano a chiedere di poter scegliere i propri rappresentanti in Parlamento. Altrettanti che i partiti li rassicurano dichiarando che quella è anche la loro volontà, salvo poi dimenticarsene quando hanno la possibilità di cambiare la legge elettorale.

Oggi, grazie all’accordo tra Pd e Forza Italia con la connivenza di NCD, SC, eccetera, possiamo finalmente (si fa per dire) intravedere la struttura del Parlamento che sarà.
Ecco il perché del quasi-criptico titolo di questo post. Si guarda al futuro camminando all’indietro e peggiorando quanto già pessimo era.

Il “Porcellinum”  (mi rifiuto di chiamarlo Italicum, per rispetto al nome della nazione), la legge elettorale prevista per la sola Camera dei deputati, ce la presenterà composta per ben più della metà  da nominati dei partiti, grazie all’accurata regia delle liste nei singoli collegi, al voto multiplo, al calderone nazionale in cui confluiranno tutti i voti e al complicato algoritmo che provvederà a

L'aula del senato della Repubblica vuota dei suoi membri (e delle competenze previste dalla Costituzione).

L’aula del senato della Repubblica vuota dei suoi membri (e delle competenze previste dalla Costituzione).

ripartirli nuovamente.  Al netto degli astenuti, il primo partito potrà governare grazie a un abnorme premio di maggioranza, e i partiti minori verranno tagliati fuori da una insolitamente elevata soglia di sbarramento. A meno di stravolgimenti dell’ultimo minuto, questo sarà, grosso modo, il risultato.

Quanto al nuovo Senato di 148 membri, sarà eletto dai cittadini per quel che riguarda i 20 governatori presidenti di regione.  Indirettamente, tuttavia: eletti come tali, essi entreranno a Palazzo Madama automaticamente. Dei restanti, 107 saranno scelti dai partiti tra gli amministratori locali e 21 saranno indicati dal Presidente della Repubblica (oltre ai 5 senatori a vita).
Il Senato sarà quindi composto per il 72% (107 su 148) da nominati dai partiti e non potrà legiferare, nel senso che non potrà proporre leggi e tantomeno correggere, intervenire, controllare quelle nate alla Camera; in compenso, resterà con poteri immutati nelle revisioni costituzionali, nell’elezione del Presidente della Repubblica e nella nomina dei giudici costituzionali e dei membri del Csm.

E questo sarebbe il futuro.

 

ParteCivile

Noi andremo oltre.

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: