Tag Archives: Agenzia delle Entrate

La burocradiozìa

3 Set

AG. ENTRATE

Ho già raccontato della mia precedente esperienza con una contravvenzione e qui ci risiamo. Sempre lei, la burocrazia idiota, ottusa, rivolta solo a pararsi il didietro anche quando non ce n’è bisogno e sempre a scapito dell’utente, cioè del cittadino contribuente che paga lo stipendio.

Devo aggiornare una pratica per conto di mio figlio all’Agenzia delle Entrate. Assurdità 1: non puoi farlo via internet. Assurdità 2: non puoi recarti all’ufficio più vicino; no, devi necessariamente andare in quello dove è originata la questione e lo scopri solo dopo il primo viaggio e l’attesa. Come se non ci fosse alcun collegamento informatico e fossimo ancora alle diligenze. Pazienza. Affronto l’ufficio competente all’altro capo della città, ma trovo – dopo un’ora di attesa –   l’assurdità 3: non basta fornire la documentazione per l’aggiornamento. No, devi riempire per l’ennesima volta un modulo con tutti, ma proprio tutti i dati relativi e già straconosciuti dallo Stato italiano e dall’ufficio stesso: nome, cognome, data di nascita, codice fiscale, nazionalità, recapito, numero della pratica eccetera. Il tutto a mano, ovviamente, in modo che poi ci sia qualcuno che diligentemente ridigiti tutto (conservando naturalmente tutta la documentazione cartacea, incuranti dei costi inutili: archivisti, affitti dei locali, carta sprecata, eccetera).
E infine, ciliegina sulla torta (amara), l’assurdità 4: leggete il cartello e capirete. Ma che senso ha la richiesta di una fotocopia del documento? Forse che l’addetto allo sportello non è in grado di confrontare il documento che presento con me stesso fisicamente lì di fronte a lui in carne ed ossa?

Ho insinuato all’impiegato allo sportello, che non aveva saputo spiegarmi il perché della disposizione: “forse è stato dimostrato che non siete in grado di confrontare chi presenta la pratica col documento che si presenta”. Quando ha capito dev’essersi offeso perché mi ha congedato bruscamente.

Sì, è difficile fare impresa in Italia

26 Ago

 

Questa lettera è apparsa su Il Messaggero di oggi, 25 agosto. Conosco personalmente il suo autore e so delle sue vicissitudini con una burocrazia ottusa e uno Stato che appare indifferente o quantomeno incapace di rimuovere perfino i più banali ostacoli a un imprenditore, invece di facilitargli la vita.

“Ecco un esempio di come sia difficile fare impresa in Italia.

Nel  marzo 2011 rilevo con mia figlia una attività di  affittacamere con 5 stanze nel centro di Roma. L’attività va bene, i giudizi dei clienti sono molto positivi,  ma la dimensione è piccola e vogliamo generare economie di scala raddoppiando le stanze da 5 a minimo 10. Nel 2013 viene messo in vendita l’appartamento al pianterreno, sotto il nostro. Decidiamo di investire per ingrandire l’attività.

Ingenuamente pensiamo che la licenza di affittacamere possa passare da 5 a 10 camere.Non è così. Se si superano 6 stanze si diventa albergo. Facile: cambiamo la licenza da affittacamere ad albergo. No: non si puo’. Si potrebbe avere la licenza di albergo al pianterreno ma non al primo piano: l’appartamento del primo piano è categoria catastaleA2. Allora chiediamo un’altra licenza di affittacamere per il pianterreno, così avremo due licenze di affittacamere. Ma non si può: due licenze nello stesso edificio non posso essere gestite insieme. Ci rassegniamo:dovremmo avere due società che gestiscono una il pianterreno e una il primo piano.

E le nostre economie di scala? Ce le possiamo dimenticare. Ma mentre cerchiamo di capire come poter far impresa in Italia, un fatto nuovo ci dà speranza: riceviamo dalla Agenzia delle Entrate un accertamento che cambia la categoria catastale del primo piano daA2 a D2. Evviva. Quello che ci serviva per ottenere la licenza di albergo. Pagheremo più tasse perché la rendita catastale è più alta,ma possiamo fare impresa in maniera efficiente. Con grande delusione scopriamo però che il Comune non accetta il nuovo classamento della Agenzia delle Entrate. Che fare? Dobbiamo noi fare ricorso contro l’accertamento della Agenzia delle Entrate.

Corriamo dal commercialista,  scopriamo che non si può  risolvere velocemente il  problema con la procedura di autotutela e che dobbiamo fare ricorso. Chiaramente paghiamo noi. Mentre attendiamo l’esito del ricorso, stiamo cercando di capire come gestire la nostra piccola attività turistica in maniera efficiente.

Ho soltanto investito molti dei miei risparmi e sviluppato una attività per il futuro di  mia figlia, in un settore strategico per l’Italia. Ma lo Stato non vuole.

Vito Varvaro  – Roma”

 

ParteCivile

marziani in movimento

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: