Stavolta sto con Franceschini

25 Mag

Devo confessare che stavolta sto con Franceschini e che questa strabiliante sentenza del TAR Lazio mi appare più come una rivincita della burocrazia che altro.

“Non potevano partecipare stranieri”. Il tar Lazio boccia nomine Franceschini per i musei

AGGIORNAMENTO

Cosa dice l’Europa

Una delle quattro libertà di cui beneficiano i cittadini dell’UE è la libera circolazione dei lavoratori. Essa include i diritti di circolazione e di soggiorno dei lavoratori, i diritti di ingresso e di soggiorno dei loro familiari e il diritto di svolgere un’attività lavorativa in un altro Stato membro, nonché di essere trattati su un piede di parità rispetto ai cittadini di detto Stato. In alcuni paesi si applicano restrizioni per i cittadini provenienti dai nuovi Stati membri. Attualmente, le norme sull’accesso alle prestazioni sociali derivano principalmente dalla giurisprudenza della Corte di giustizia.

Base giuridica 

Articolo 3, paragrafo 2, del trattato sull’Unione europea (TUE); articolo 4, paragrafo 2, lettera a), e articoli 20, 26 e 45-48 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE).

Direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri; regolamento (UE) n. 492/2011 relativo alla libera circolazione dei lavoratori all’interno dell’Unione; regolamento (CE) n. 883/2004 relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale e il suo regolamento di applicazione (CE) n. 987/2009.

http://www.europarl.europa.eu/atyourservice/it/displayFtu.html?ftuId=FTU_3.1.3.html

===============

> Pubblicità

I racconti, le storie brevi, sono come quegli sguardi lanciati da una finestra aperta che permettono di vivere quanto accade giù nella strada, nella vita di tutti i giorni, di immaginare i pensieri dell’ignoto passante o il dialogo dell’altrettanto ignota coppia mentre vengono percorsi i pochi metri che la visuale consente.
In questi dieci racconti c’è quasi sempre Roma, come sfondo o protagonista, ma i personaggi, con le loro personalità, le manie, le loro storie personali, potrebbero esistere ovunque: per conoscerli, e conoscere le loro storie, basta affacciarsi a questa finestra.

http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/racconti/322551/la-finestra-aperta-3/

Annunci

4 Risposte to “Stavolta sto con Franceschini”

  1. Ferdinando Longoni 25/05/2017 a 11:31 pm #

    Io preferisco stare con la legge e, non avendo letto tutti i documenti preferisco non esprimermi in maniera così tassativa. Se la legge non prevede l’assunzione di stranieri, il TAR non poteva che applicare la legge. Se le cose stanno come penso, siamo probabilmente di fronte all’ennesimo caso di improvvisazione di una classe politica ignorante, superficiale e presuntuosa. Se la legge non prevede l’assunzione e si ritiene che questa legge sia ormai superata, allora la si superi legiferando opportunamente. E dopo si ricorra a gare internazionali. Se proprio così stanno le cose, allora è Franceschini che ci fa una brutta figura, e la fa fare all’Italia. Non i giudici. O sbaglio?

    Mi piace

    • pierofil 25/05/2017 a 11:39 pm #

      Caro Nando, io preferisco stare con l’Europa.
      Una delle quattro libertà di cui beneficiano i cittadini dell’UE è la libera circolazione dei lavoratori. Essa include i diritti di circolazione e di soggiorno dei lavoratori, i diritti di ingresso e di soggiorno dei loro familiari e il diritto di svolgere un’attività lavorativa in un altro Stato membro, nonché di essere trattati su un piede di parità rispetto ai cittadini di detto Stato. In alcuni paesi si applicano restrizioni per i cittadini provenienti dai nuovi Stati membri. Attualmente, le norme sull’accesso alle prestazioni sociali derivano principalmente dalla giurisprudenza della Corte di giustizia.
      La giurisprudenza in materia:
      Articolo 3, paragrafo 2, del trattato sull’Unione europea (TUE); articolo 4, paragrafo 2, lettera a), e articoli 20, 26 e 45-48 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE).
      Direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri; regolamento (UE) n. 492/2011 relativo alla libera circolazione dei lavoratori all’interno dell’Unione; regolamento (CE) n. 883/2004 relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale e il suo regolamento di applicazione (CE) n. 987/2009.
      http://www.europarl.europa.eu/atyourservice/it/displayFtu.html?ftuId=FTU_3.1.3.html

      Mi piace

      • Ferdinando Longoni 26/05/2017 a 6:56 am #

        Allora bisogna adeguare la nostra legge alle direttive europee. I politici che ci stanno a fare in Parlamento?

        Mi piace

      • pierofil 26/05/2017 a 8:32 am #

        Concordo. Tuttavia devo anche osservare che i giudici amministrativi sanno bene che occorre sempre tener presente la legislazione comunitaria che prevale – salvo alcuni casi particolari – su quella nazionale. Domando ingenuamente, allora, perché in questo caso non l’abbiano fatto e le risposte che ricevo non sono affatto convincenti.

        Mi piace

I commenti sono chiusi.

ParteCivile

Noi andremo oltre.

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: