Dovremmo ricordarcelo, ogni tanto

1 Feb

 

People Have the Power

people_have_the_power_-_patti_smith

 

People Have the Power” è una canzone rock scritta da  Patti Smith e Fred “Sonic” Smith, pubblicata come singolo nell’album Dream of Life. Nel 1988. La foto della copertina del disco è di Robert Mapplethorpe.
Nel video Patti Smith è ripresa mentre canta, balla, scrive.
(da Wikipedia)

 

 

 

I was dreaming in my dreaming – Ero immersa nei miei sogni
of an aspect bright and fair –mi apparivano brillanti e gradevoli
and my sleeping it was broken – e il mio sonno è stato interrotto
but my dream it lingered near – ma il sogno rimaneva chiaro

in the form of shining valleys – vedevo vallate luminose
where the pure air recognized – si sentiva l’aria pura
and my senses newly opened – e i miei sensi si sono riaperti
I awakened to the cry – mi svegliai all’urlo

that the people have the power – che il popolo ha il potere
to redeem the work of fools – di redimere l’opera dei pazzi
upon the meek the graces shower – sugli umili piove la grazia
it’s decreed the people rule – è deciso, il popolo governa

People have the power – Il potere è del popolo
People have the power – Il potere è del popolo
People have the power – Il potere è del popolo

Vengeful aspects became suspect – Le posizioni vendicative diventarono sospette
and bending low as if to hear – e inchinarsi come per ascoltare
and the armies ceased advancing – e gli eserciti si arrestarono
because the people had their ear – perché la gente ha le orecchie
and the shepherds and the soldiers – e i pastori e i soldati
lay beneath the stars – giacciono sotto le stelle
exchanging visions – scambiandosi visioni
and laying arms –  e gettando le armi
to waste in the dust – tra i rifiuti, nella polvere
in the form of shining valleys – come vallate scintillanti
where the pure air recognized – dove  si sente l’aria pura
and my senses newly opened – e i miei sensi si aprivano di nuovo
I awakened to the cry – Mi sono svegliata piangendo

People have the power – Il potere è del popolo
People have the power –
Il potere è del popolo
People have the power –
Il potere è del popolo

Where there were deserts
– Dove c’erano deserti
I saw fountains – ho visto fontane
like cream the waters rise – l’acqua sgorgava come crema
and we strolled there together – e noi passeggiavamo là insieme
with none to laugh or criticize – senza nulla da deridere o criticare
and the leopard – e il leopardo
and the lamb – e l’agnello
lay together truly bound – giacciono insieme abbracciati davvero
I was hoping in my hoping – io speravo nelle mie speranze
to recall what I had found – di ricordare quello che avevo trovato
I was dreaming in my dreaming – io sognavo nei miei sogni
god knows a purer view – dio sa cosa una visione più pura
as I surrender to my sleeping – come se cedessi al sonno
I commit my dream to you – ti affido il mio sogno

People have the power – Il potere è del popolo
People have the power – Il potere è del popolo
People have the power – Il potere è del popolo

The power to dream to rule – Il potere di sognare di governare
to wrestle the world from fools – di lottare per liberare il mondo dai pazzi
it’s decreed the people rule – la sovranità popolare è legge
it’s decreed the people rule – la sovranità popolare è legge
Listen – Ascolta
I believe everything we dream – Io credo che tutto quello che sogniamo
can come to pass through our union – possa passare attraverso la nostra unione
we can turn the world around – noi possiamo rivoltare il mondo
we can turn the earth’s revolution – noi possiamo dare il via alla rivoluzione in terra
we have the power – noi abbiamo il potere

People have the power – Il potere è del popolo
People have the power – Il potere è del popolo
People have the power – Il popolo ha il potere

N.B. La traduzione è mia: Me ne assumo la responsabilità. 🙂

 

================> Pubblicità

 

COME UNA CASA SENZA FINESTRE
In un piccolo borgo di montagna del nostro nord-est, un mondo chiuso e apparentemente quasi ostile, il giovane carabiniere Paternò si trova di fronte al duplice omicidio di due cacciatori. Paternò non è un carabiniere comune: nonostante la giovane età ha una storia alle spalle che pesa sulla sua esistenza, con angoli bui che non conosce o forse non vuole esplorare e le indagini cui si dedica senza il permesso dei suoi superiori conducono in diverse direzioni. Incontra così vari personaggi che rappresentano tutti insieme un conciso panorama delle due realtà di una certa Italia: retriva per un lato ma dall’altro generosa, ottusa per un verso ma per un altro aspetto aperta alle istanze sociali.

La storia si sviluppa su due piani paralleli scritti uno al passato e l’altro al presente, come la personalità di Paternò che si è evoluta su due dimensioni: quella della tragedia familiare e quella intima e personale, che si sono intrecciate fino a costruire un insieme complesso che parlando di sé descrive come ‘una casa senza finestre’. Accade così che accanto all’indagine ne origini inconsapevolmente una seconda in cuicopertina-cucsf
Paternò insegue soprattutto due cose che non ha avuto dalla vita: giustizia e amore. Le incontrerà entrambe un poco alla volta attraverso piccole conquiste e sconfitte e alla fine riuscirà, dando un contributo fondamentale, a risolvere il caso e contemporaneamente a scoprire quel sentimento che ha rappresentato la chiave nascosta della sua ricerca.

http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/narrativa/296575/come-una-casa-senza-finestre/

 

Annunci
ParteCivile

marziani in movimento

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: