Caro Renzi, almeno le scuse

11 Mar

Orfini truppe cammellate

Caro segretario del Pd,
non ci pare di chiedere molto. Siamo gli oltre 50.000 romani che nel 2013 andarono a votare alle primarie in cui fu decisa la candidatura a sindaco di Ignazio Marino e che invece stavolta si sono astenuti guadagnandosi così dal presidente del Pd l’ingiuriosa definizione di “truppe cammellate”. Questa reazione sguaiata, aggravata dal penoso episodio delle schede bianche, dimostra con tutta evidenza la frattura del rapporto tra il Pd romano e i suoi elettori.
Ma non solo: ci offende profondamente. Non è nostra intenzione rispondere a Orfini, il commissario che hai chiamato a riorganizzare la federazione cittadina ed che in quasi un anno e mezzo non ha cacciato neanche uno dei capobastone che tuttora la infestano e neppure un cammello: lo (s)qualificano più che a sufficienza le sue scomposte dichiarazioni e soprattutto il suo operato, teso solo a soffocare il confronto delle idee chiudendo i circoli virtuosi, alimentando i veleni, dilatando la voragine del dubbio e dell’incertezza, considerando il pd romano quasi un suo feudo personale.
E’ la plateale dimostrazione della sua incapacità a interpretare il disagio, il malessere, l’amarezza che sono seguiti ai suoi maldestri interventi e prima ancora a Mafia Capitale, disarticolando una base solida nei principi e negli ideali. Il tonfo sordo di queste primarie suona quasi come il preavviso di un prossimo fallimento che, se non sembrasse inverosimile,  parrebbe quasi studiato, voluto.
Ci piace pensare che tu stia riflettendo sui motivi che hanno condotto il Pd romano quasi sull’orlo del baratro. Ma intanto, caro segretario, ti chiediamo come elettori – e molti tra noi sono fondatori e leali militanti –  le tue scuse a nome di quel partito che guidi. Lo chiediamo alla tua sensibilità e alla tua intelligenza. Noi rappresentiamo solo l’avanguardia delle centinaia di migliaia di voti che a Roma hanno dato fiducia al Pd: chiedere scusa per un’offesa che non meritiamo è un atto di coraggio e il riconoscimento della stima e del rispetto che ci sono comunque dovuti.  

Annunci

2 Risposte to “Caro Renzi, almeno le scuse”

  1. Vincenzo Grippa 12/03/2016 a 11:24 am #

    provo profonda amarezza nel constatare ciò che e diventato il maggior partito della sinistra! E passato da moralizzatore dei tempi che fu a immorale oltretutto senza un briciolo di vergogna. Io da ex vi abiuro e Vado dai 5 stelle ADIOS NO QUIERO SER UNA MIERDA

    Mi piace

    • pierofil 12/03/2016 a 2:24 pm #

      Concordo con te, ma se cerchi la ‘sinistra’ temo che non la troverai là dove vuoi andare.

      Mi piace

I commenti sono chiusi.

ParteCivile

marziani in movimento

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: