Simboli

13 Apr

House of cards

Dunque, andiamo per ordine. ‘House of cards’ mi piace moltissimo e Kevin Spacey è il mostro di bravura che sappiamo. Rappresenta magnificamente quel potere quasi senza limiti, cinico, amorale e spregiudicato tipico di molti politici anche di casa nostra che conosciamo e quindi sta sulle palle a molti (il personaggio, non Kevin).
Ora, è ben vero che la foto che lo ritrae riprende la famosa statua di Lincoln nel Lincoln Memorial a Washington, ma mentre nel caso del presidente abolizionista non ci avevo mai fatto caso,  qui i braccioli della poltrona assumono (almeno per me) un preciso e voluto significato: Francis Underwood è un fascista. Punto.

Annunci
ParteCivile

marziani in movimento

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: