La vecchia Europa, la nuova Grecia, la nuova Europa

23 Gen

L’analisi del voto nella seconda tornata delle elezioni del 2012 in Grecia accreditava a Nuova Democrazia, il partito conservatore vincente col 30%, il 37% degli ultracinquantenni e il 22,7 degli under 50. Syriza, la coalizione di sinistra guidata da Alexis Tsipras giunta seconda col 27%, registrò l’esatto contrario: rispettivamente 23% e 32,8%.  Solo due anni dopo, alle elezioni europee del 25 maggio 2014, Syriza si afferma come il primo partito in Grecia col 26% dei voti; Nuova Democrazia scende al 22% e la destra estrema di Alba Dorata al 9%.

Alle prossime elezioni di domenica 25 gennaio, gli ultimi sondaggi danno in media Syriza vincente con una percentuale che sfiora il 35%, i conservatori al 30%, la destra estrema di Alba Dorata al6% e To Potami (il Fiume, il nuovo partito dei socialdemocratici fondato dal giornalista Theodorakis) a circa il 7%. Il Pasok, il partito socialista di Papandreu che aveva guidato il paese nella crisi del 2008, si è praticamente dissolto, precipitando a uno scarso 6%. L’ago della bilancia, che potrebbe assicurare a Tsipras il premio di maggioranza in Parlamento consistente in 50 seggi, è dato dagli indecisi, quotati all’11%.

Come si è arrivati fin qui? Bisogna rileggere gli avvenimenti che si sono tumultuosamente succeduti in Grecia dal 2008 ad oggi e devo ringraziare Valigia Blu per questa interessante sintesi di quel periodo; utile anche la cronistroria di Ettore Livini su Repubblica. Il punto focale di questo periodo resta comunque la nascita e l’inarrestabile evoluzione di Syriza e le ragioni possono essere essenzialmente due.

Syriza (l’acronimo in greco di Coalizione della Sinistra Radicale), che raggruppa una dozzina di partiti della sinistra radicale e ambientalisti, nasce nel 2006 sotto la guida di Alexis Tsipras. La sua strategia politica, basata sul rapporto diretto con gli elettori, gli fa raggiungere il 10,5 per cento dei voti, ma è con lo scoppio della crisi del 2009 che si pongono le solide basi che proietteranno la nuova formazione politica. Syriza apre un dialogo con i movimenti della società civile, svolgendo – come ricorda Rodotà – “un lavoro effettivo nel sociale dove ha garantito ai cittadini diritti e servizi grazie a pratiche di mutualismo: penso alle mense e alle cliniche popolari, alle farmacie e alle cooperative di disoccupati“. Non un partito distante dalla gente quindi, ma un movimento immerso nel quotidiano dei singoli, che ne vive i problemi pratici e aiuta a risolverli. In più, come giustamente afferma Leonardo Bianchi, diventa “l’unico interlocutore credibile delle generazioni più giovani, le cui prospettive sono state fatte a pezzi dalla crisi economica. E la questione generazionale – in un paese in cui i partiti tradizionali sono delle specie di gerontocrazie che si rivolgono solo agli ultracinquantenni – giocherà un ruolo fondamentale in queste elezioni“.
Tsipras 3
L’altro motivo va ricercato nell’opposizione frontale di Tsipras alla brutale austerity che la Troika impose alla Grecia e nelle argomentate soluzioni che propone. In sintesi, Tsipras conferma il programma che aveva già esposto alle elezioni europee dell’anno scorso: “Questa non  è la nostra Europa. È solo l’Europa che vogliamo cambiare. Al posto di un’Europa piena di paura della disoccupazione, della disabilità, della vecchiaia e della povertà; al posto di un’Europa che ridistribuisce i guadagni ai ricchi e la paura ai poveri; al posto di un’Europa che serve le necessità dei banchieri, vogliamo un’Europa al servizio dei bisogni umani”.

In un’intervista all’Huffigton Post greco, riportata da Polisblog, Tsipras aggiunge  che Siryza intende applicare il Programma di Salonicco indipendentemente dal negoziato con i suoi finanziatori e adotterà una serie di azioni mirate per contenere la crisi umanitaria, con la giustizia fiscale e un piano di rilancio dell’economia. Syriza punta ad attuare riforme radicali del modus operandi dello Stato nel settore pubblico per “cambiare tutto ciò che ha spinto il Paese sull’orlo di una bancarotta economica, ma anche morale“. Parlando quindi dell’euro, Tsipras afferma che Syriza non ne vuole il crollo ma il salvataggio, ma sarà impossibile riuscirvi finché il debito pubblico degli Stati membri sarà fuori controllo in quanto questo problema  non è solo greco ma europeo e dunque è l’Europa nel suo insieme che è in debito e che deve cercare una soluzione sostenibile.

“Syriza e la Sinistra Europea sostengono che nella cornice di un accordo europeo, la stragrande maggioranza del valore nominale del debito pubblico debba essere cancellata; bisognerà imporre una moratoria sulla sua restituzione, e bisognerà introdurre una clausola per la crescita che si occupi della parte rimanente del debito, così da poter impiegare le rimanenti risorse per la crescita.”

Scrive Luca Passoni  che “il programma economico della coalizione guidata da Alexis Tsipras – cuore  della sua proposta alla Grecia “post-crisi” – anzitutto punta sulla richiesta Ue di saldo primario positivo per il 4% per i prossimi anni e a rinegoziare invece il valore nominale del debito pubblico (oggi pari al 170% del Pil). Sui mercati finanziari gode di un certo consenso la prospettiva che l’eventuale negoziato con la “troika” (Ue, Bce, Fmi) possa essere questa volta più duro che in occasione della “prima crisi greca”: oggi l’impatto sistemico del debito greco (verso il sistema bancario, a cominciare da quello tedesco) è enormemente ridotto rispetto al periodo 2010-2012. La situazione finanziaria appare quindi relativamente tranquilla per il resto dell’eurozona. Visto però che l’ambiente politico europeo è in evoluzione (crescono di peso i partiti euroscettici), le conseguenze politiche di difficoltà negoziali con la Grecia potrebbero essere maggiori che in passato”. Tuttavia, prosegue l’articolo “La durezza del negoziato con la “troika” attesa sulla base di considerazioni esclusivamente finanziarie potrebbe essere ammorbidita dalle considerazioni legate all’evoluzione del mondo politico (il cancelliere tedesco Angela Merkel vorrà affrontare in termini risoluti solo Syriza, nel sud dell’Europa, o terrà conto del comportamento di Alternative fuer Deutschland e di Pegida a Berlino?).

Un ampio e dettagliato stralcio del programma economico di Tsipras lo potete trovare, oltre che nell’intervista a Nadia Valavani, responsabile esteri di Syriza, qui su Repubblica: oltre a quanto già detto,  fa perno da una parte su una serie di misure volte ad alleviare le sofferenze della parte più debole della popolazione, dall’energia gratis a un bonus extra per le pensioni minime, dall’altra su manovre e riforme strutturali, inclusa una feroce e implacabile lotta all’evasione fiscale.

Sia come sia, per concludere c’è da concordare con Leonardo Bianchi sempre su Valigia Blu: “in questa tornata elettorale, tuttavia, Syriza si presenta come una formazione politica matura, che in questi ultimi tre anni ha lavorato moltissimo sulla propria struttura e sulle sue posizioni”. La vittoria di Tsipras può davvero aprire una nuova prospettiva per l’Europa, con una sinistra rafforzata anche dalla crescita del movimento  di Podemos in Spagna – che stando agli attuali sondaggi alle prossime elezioni potrebbe anche raccogliere il 30% dei voti.
Alla vecchia e gretta Europa legata ai suoi privilegi e ai propri interessi, la nuova Grecia della solidarietà al primo posto può quindi portare davvero un’aria nuova, l’aria  fresca e pulita della nuova Europa.

 

Annunci

Una Risposta to “La vecchia Europa, la nuova Grecia, la nuova Europa”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Renzi come Tsipras? Sì, magari. | un filo rosso - 26/01/2015

    […] La vecchia Europa, la nuova Grecia, la nuova Europa […]

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

ParteCivile

marziani in movimento

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: