In un modo o nell’altro.

31 Dic

Mafalda anno nuovo Progetti_Smarriti
C’è questa antichissima usanza, in prossimità della fine dell’anno, di fare gli auguri perché quello nuovo sia buono e sereno.
Da un freddo e oggettivo punto di vista non c’è un senso logico in tutto questo. In fin dei conti si tratta solo di una convenzione: perché non ci diciamo allora “buon mese nuovo” o “buon giorno nuovo”, alle rispettive scadenze?
Mi rispondo da solo: perché la frequenza dell’augurio diventerebbe ripetitiva e noiosa fino a togliere ogni significato. Il ciclo dell’anno invece, coi suoi dodici mesi, assume nella vita degli individui un significato particolare legato all’età e quindi alla vita, si tratti di esseri viventi, umani, animali, vegetali e in qualche caso perfino delle cose.
Riflessioni del cavolo in un pomeriggio in cui non hai niente da fare e la mente vaga, in attesa, appunto, che la mezzanotte scandisca il fatidico momento e sarà passato un altro anno.
A tutti voi, quindi, il mio augurio sincero che l’anno in arrivo sia migliore di questo. In un modo o nell’altro.
E domattina leggetevi questa poesia di Neruda per salutarlo.
O, se non vi va di faticare, ascoltatela, è qui sotto.

Annunci
ParteCivile

Noi andremo oltre.

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: