La migliore risposta al delirio di Grillo sulla mafia

27 Ott

“La mafia aveva una sua morale”. Questa frase delirante di Grillo mi ha letteralmente fulminato e l’indignazione mi ha travolto. Avrei voluto subito rispondergli ma ero così furioso che non riuscivo a coniugare i concetti. Poi mi è capitato questo post di un amico e l’ho trovato così coinvolgente, così bello, vero e giusto che non ho potuto fare a meno di riportarlo integralmente qui. Grazie Sasha.

Di Simone Sasha Alliva

Io sono calabrese. Calabrese è la mia formazione e la mia cultura. Una cultura orgogliosa e alta, che non ha nulla a che vedere con gli stereotipi dell’ignoranza da lupara e coppola. Sentire Beppe Grillo dal palco dello “Sfiducia Day”, allestito davanti al Parlamento regionale siciliano, dire cose come: “”La Mafia prima aveva una sua morale, non scioglieva i bambini nell’acido”, mi fa arrabbiare, mi offende e mi disgusta. Da calabrese onesto e da persona che con quella che in Sicilia chiamano “mafia”, in Calabria chiamiamo “‘ndragheta”, a Napoli “camorra”, ci ha convissuto gomito a gomito per ventisei anni. La prima volta che conobbi “la morale” mafiosa era il 1997, avevo nove anni, era notte fonda e mi svegliarono quattro scariche di pistola. Poi le urla. Il caos in casa. La polizia, la scientifica, un lenzuolo bianco. Era “la morale mafiosa” che puniva una donna per una questione considerata “disonorevole”.

Ci convivevo con “la morale della mafia” e ci giocavo il pomeriggio ad esempio. Ricordo che il mio compagno di giochi non aveva più il padre. Un uomo che ricordo, alto, massiccio e sempre con la divisa da carabiniere. Lo massacrarono durante la festa del paese, approfittando dello spettacolo pirotecnico con dieci colpi di pistola. Aveva svolto varie indagini su traffici illeciti e sui numerosi sequestri di persona, contribuendo ad assicurare alla giustizia diversi esponenti della ‘ndrangheta.

Ricordo “la morale della mafia” a scuola, in ospedale, per strada, al bar e nelle redazioni dei quotidiani locali. Ha accompagnato la mia infanzia e la mia adolescenza, quella mia come quella di chiunque sia nato e cresciuto al sud.

Dire che la mafia “aveva una sua morale” che è tutta colpa della finanza, dell’economia, della politica dei politici, non offende solo i massacrati per mano dalla mafia negli ultimi sessant’anni. Offende le loro famiglie, i loro figli, i nostri principii, i nostri valori, e la già vacillante dignità del nostro stesso paese. In più corrompe i giovani, li tradisce, gli impedisce di ragionare. Inganna i bambini, li confonde, prepara una generazione di imbecilli.

Annunci
ParteCivile

Noi andremo oltre.

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: