Referendum e leggi di iniziativa popolare: ne sentiremo la mancanza

15 Lug

E così, salutiamo gli ultimi strumenti democrazia diretta ancora in vita nel nostro Paese.
Il perché e il percome lo spiega con la consueta chiarezza il professor Ainis qui.

A me resta solo da aggiungere un commento: con questa mossa (che mi ha francamente stupito, apparendomi più in linea col modo d’agire di un Berlusconi che di un democratico) Renzi e il suo governo fanno un altro rapido passo verso quell’autoritarismo che i suoi più strenui difensori continuano, contro ogni evidenza, a negare.  D’altra parte, non manca molto. Quando il Senato sarà reso del tutto inoffensivo e la legge elettorale consentirà una Camera composta in maggioranza di disciplinati nominati, il cerchio si chiuderà. Con tanti saluti alla democrazia partecipativa.

 

Aggiornamento.

Davide Serafin ha scritto questo post sullo stesso argomento molto meglio.

Aggiornamento del 17 luglio

Sempre Davide Serafin:

Riforma Senato | Mineo: “referendum Segni mai più possibile”
by davidesera

Oggi Corradino Mineo è intervenuto al Senato. Nel suo intervento, di critica alla riforma del Senato proposta dal governo con il DdL costituzionale Boschi, è presente un cenno alla questione del cosiddetto referendum manipolativo che un emendamento, approvato dalla 1a Commissione Affari Costituzionali al Senato, renderebbe non più ammissibile. Come scrivevo l’altro giorno, se da un lato già la Consulta ha da alcuni anni adottato l’orientamento di escludere quei quesiti che intervenissero in maniera manipolativa, su singole parole o porzioni di frasi, specie in quei casi in cui l’abrogazione rendesse la norma irrazionale o incompleta, dall’altro i referendum in materia elettorale non possono che essere parziali e manipolativi, dato che la legge elettorale è una legge costituzionalmente necessaria alla corretta formazione degli organi dello Stato.
Così Mineo, stamane, in aula al Senato: spero si rifletta sulle norme che riguardano i referendum, che al di là delle intenzioni sicuramente buone – conosco e stimo la senatrice Finocchiaro – hanno un sapore amaro. Non sarebbe oggi possibile il referendum Segni da cui è nata – bello o brutta che sia – la Seconda Repubblica, perché quel referendum era manipolativo. L’innalzamento delle firme sembra voler punire un istituto di democrazia diretta, mentre si torna non alla democrazia delegata com’era in Costituzione, ma ad una democrazia delegata in cui i partiti hanno troppo potere (Resoconto stenografico Seduta n. 280 de 17/07/14).
Lo cito qui, anche perché è l’unico ad averne parlato.

 

 

 

Annunci
ParteCivile

Noi andremo oltre.

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: