Una fragile cultura della democrazia

8 Lug

Questo è quanto mi viene da dire in questi giorni in cui la polemica sulle riforme – della legge elettorale e del Senato – si va esasperando. Mi colpisce dolorosamente, e non esagero, verificare che LUCCHETTO 2l’entusiasmo osannante per “chi fa” – non importa cosa e come – travolga ogni più elementare senso del diritto a esercitare la democrazia: fondamentali come il bilanciamento dei poteri, il diritto a scegliere i propri rappresentanti in Parlamento, la contrapposizione costruttiva delle idee e delle opinione vengono vissuti nel migliore dei casi con un senso di noia, se non con incosciente insofferenza.

Ha detto bene Arianna Ciccone su Valigia Blu a proposito di  legge elettorale e riforma del Senato:

“Se si considera anche la riforma del Senato che sarà, secondo la volontà del Governo, non elettivo, il combinato disposto della legge elettorale (con liste bloccate e candidature plurime, accesso premio di maggioranza con 37% dei voti, sbarramento eccessivo per i piccoli partiti) e del Senato rischia di minare fortemente la rappresentatività e il tasso di democraticità (inteso soprattutto, ma non solo, come rapporto elettore-elettorato).”

Anche Alessandro Gilioli molto efficacemente oggi, qui, qui e qui.

A suo tempo io sono stato meno educato e scrissi che si trattava della cazzata perfetta. Per fortuna vostra e mia, a bilanciare ha provveduto questa civile  lettera di Vannino Chiti al Corriere.

Caro direttore,
Le chiedo ospitalità per alcune considerazioni sulla riforma costituzionale, ora in discussione in Senato.
Chi, su alcuni punti, ha presentato proposte diverse, è stato accusato di sabotaggio. Al contrario vogliamo le riforme: sono urgenti. Devono però essere buone riforme, altrimenti la nostra democrazia si impoverirà. L’elezione indiretta provoca anche un pasticcio inaccettabile sull’immunità. Da un lato la estende agli amministratori in modo improprio, dall’altro differenzia tra sindaci e tra consiglieri regionali.
C’è ampio accordo sul fatto che la Camera abbia l’esclusività del rapporto di fiducia con il governo e l’ultima parola su gran parte delle leggi, compresa quella di bilancio.
Occorre mantenere – come in molte grandi democrazie – competenze paritarie di Camera e Senato su Costituzione, leggi elettorali e referendum, ordinamenti dell’Unione Europea e delle Regioni, diritti fondamentali, quali quelli delle minoranze, la libertà religiosa, i temi eticamente sensibili. Non sui diritti ma sugli altri aspetti e sul numero dei senatori – 100 e non più 150 – si è tenuto conto delle nostre proposte: segno che non erano delle invenzioni per perdere tempo.
Ritengo che sui diritti fondamentali debba mantenersi un bicameralismo paritario: non possono essere di esclusiva competenza della maggioranza di governo. È un ruolo di garanzia e di equilibrio da far svolgere al Senato: se per la Camera si adotta una legge maggioritaria che assicuri governabilità, è necessario avere un Senato aperto alla presenza delle forze più rappresentative in ogni regione. È importante una sua piena legittimazione attraverso l’elezione dei senatori da parte dei cittadini, in concomitanza con quella dei consigli regionali.
Non ci sono rischi di far rientrare dalla finestra la fiducia ai governi: il Senato non si formerebbe in un’unica elezione né sarebbe sciolto ad una stessa scadenza.
È anche superficiale dire che la riforma della Camera, con la riduzione da 630 a 470 deputati, non sia all’o.d.g. Chi lo stabilisce? Ci sono emendamenti precisi: si deve dire si o no!
Mi è stato ricordato che in passato ho sostenuto l’opzione del Bundesrat tedesco: è vero. Da sempre sono convinto che sia l’unica alternativa al Senato elettivo. Il modello tedesco va preso tutto quanto, non a piacimento. Nel Bundesrat siedono solo i governi regionali – non consiglieri e sindaci – e votano in modo unitario; sulle leggi non bicamerali, il Bundestag può modificare proposte del Senato solo con una maggioranza uguale a quella con cui sono state approvate. Infine, il Bundestag è eletto con legge proporzionale e sbarramento al 5%.
Altre soluzioni non convincono. Gli Stati Uniti hanno sperimentato il Senato di secondo grado: sono passati al voto diretto dei cittadini dopo aver registrato gravi casi di corruzione e una rappresentanza troppo localistica. La Francia nel marzo scorso ha stabilito che dalle prossime elezioni non si potrà essere più sindaci, presidenti di regione e parlamentari. Esperienze fallite, da noi diventano innovazione?
Voler mantenere ai cittadini il diritto di scegliere con il voto i loro rappresentanti nelle istituzioni sarebbe conservazione?
Nel XXI secolo la democrazia è sfidata non solo dai terrorismi, ma da semplificazioni che danno vita a quella che viene definita dittatura delle maggioranze, un affievolirsi cioè dei controlli sui governi. È un pericolo dal quale guardarsi. La democrazia ha bisogno di partecipazione e governabilità, non di contrapporre l’una all’altra.

Non mi illudo che tutto ciò possa servire a far aprire gli occhi a chi ha ormai deciso di consacrare la propria esistenza e le proprie fortune alla prosternazione perenne.  Ma sperare che un filo di dubbio possa crescere a insinuarsi in chi abbia un minimo di consapevolezza, almeno questo lasciatemelo.

 

 

Se si considera anche la riforma del Senato che sarà, secondo la volontà del Governo, non elettivo, il combinato disposto della legge elettorale (con liste bloccate e candidature plurime, accesso premio di maggioranza con 37% dei voti, sbarramento eccessivo per i piccoli partiti) e del Senato rischia di minare fortemente la rappresentatività e il tasso di democraticità (inteso soprattutto, ma non solo, come rapporto elettore-elettorato).Ricorda di citare la fonte: http://www.valigiablu.it/legge-elettorale-la-riforma-come-e-come-dovrebbe-essere/
Licenza cc-by-nc-nd valigiablu.it
Se si considera anche la riforma del Senato che sarà, secondo la volontà del Governo, non elettivo, il combinato disposto della legge elettorale (con liste bloccate e candidature plurime, accesso premio di maggioranza con 37% dei voti, sbarramento eccessivo per i piccoli partiti) e del Senato rischia di minare fortemente la rappresentatività e il tasso di democraticità (inteso soprattutto, ma non solo, come rapporto elettore-elettorato).Ricorda di citare la fonte: http://www.valigiablu.it/legge-elettorale-la-riforma-come-e-come-dovrebbe-essere/
Licenza cc-by-nc-nd valigiablu.it
Se si considera anche la riforma del Senato che sarà, secondo la volontà del Governo, non elettivo, il combinato disposto della legge elettorale (con liste bloccate e candidature plurime, accesso premio di maggioranza con 37% dei voti, sbarramento eccessivo per i piccoli partiti) e del Senato rischia di minare fortemente la rappresentatività e il tasso di democraticità (inteso soprattutto, ma non solo, come rapporto elettore-elettorato).Ricorda di citare la fonte: http://www.valigiablu.it/legge-elettorale-la-riforma-come-e-come-dovrebbe-essere/
Licenza cc-by-nc-nd valigiablu.it
Se si considera anche la riforma del Senato che sarà, secondo la volontà del Governo, non elettivo, il combinato disposto della legge elettorale (con liste bloccate e candidature plurime, accesso premio di maggioranza con 37% dei voti, sbarramento eccessivo per i piccoli partiti) e del Senato rischia di minare fortemente la rappresentatività e il tasso di democraticità (inteso soprattutto, ma non solo, come rapporto elettore-elettorato).Ricorda di citare la fonte: http://www.valigiablu.it/legge-elettorale-la-riforma-come-e-come-dovrebbe-essere/
Licenza cc-by-nc-nd valigiablu.it
Se si considera anche la riforma del Senato che sarà, secondo la volontà del Governo, non elettivo, il combinato disposto della legge elettorale (con liste bloccate e candidature plurime, accesso premio di maggioranza con 37% dei voti, sbarramento eccessivo per i piccoli partiti) e del Senato rischia di minare fortemente la rappresentatività e il tasso di democraticità (inteso soprattutto, ma non solo, come rapporto elettore-elettorato).Ricorda di citare la fonte: http://www.valigiablu.it/legge-elettorale-la-riforma-come-e-come-dovrebbe-essere/
Licenza cc-by-nc-nd valigiablu.it
Se si considera anche la riforma del Senato che sarà, secondo la volontà del Governo, non elettivo, il combinato disposto della legge elettorale (con liste bloccate e candidature plurime, accesso premio di maggioranza con 37% dei voti, sbarramento eccessivo per i piccoli partiti) e del Senato rischia di minare fortemente la rappresentatività e il tasso di democraticità (inteso soprattutto, ma non solo, come rapporto elettore-elettorato).Ricorda di citare la fonte: http://www.valigiablu.it/legge-elettorale-la-riforma-come-e-come-dovrebbe-essere/
Licenza cc-by-nc-nd valigiablu.it
Legge elettorale e Senato: una riforma da rivedere. E i gufi non c’entranoRicorda di citare la fonte: http://www.valigiablu.it/legge-elettorale-la-riforma-come-e-come-dovrebbe-essere/
Licenza cc-by-nc-nd valigiablu.it
Legge elettorale e Senato: una riforma da rivedere. E i gufi non c’entranoRicorda di citare la fonte: http://www.valigiablu.it/legge-elettorale-la-riforma-come-e-come-dovrebbe-essere/
Licenza cc-by-nc-nd valigiablu.it
Annunci
ParteCivile

marziani in movimento

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: