Una Repubblica fondata su che cosa?

2 Giu

A questa domanda di Simone Cosimi su  Wired mi sarebbe piaciuto saper dare una risposta congruente e soprattutto positiva. Ma leggendo il pezzo e le riflessioni sui dati di fatto reali e incontrovertibili cresceva lo scoraggiamento.

Costituzione GUE’ una Repubblica che non ha tenuto fede a buona parte della propria Costituzione, questo è quel che mi è venuto da dire alla fine. E, quel che è peggio, è ampiamente deficitaria proprio nell’osservanza di buona parte dei suoi principi fondamentali, cioè quelle dichiarazioni che hanno contribuito in massima parte a farla definire – con pò di enfasi, ammettiamolo –  “la Costituzione più bella del mondo”.

E’ un bilancio sconfortante, soprattutto considerando quanto alcuni dei recenti governi si siano impegnati per modificare la Carta sotto l’alibi del suo ‘indispensabile’ aggiornamento, ma ignorando con disinvoltura quanto il rispetto di quei primi articoli avrebbe potuto dare alla crescita morale e culturale dei cittadini e quindi, in ultima analisi, dell’intera Nazione.

Mancano quattro anni alla celebrazione dei settant’anni della nostra Costituzione. L’auspicio, nonostante tutto, è che nel 2018 l’Italia possa aver visto un deciso cambio di rotta.

 

 

Annunci
ParteCivile

Noi andremo oltre.

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: