Tre ore nel fascino.

20 Mag

 

Rose 7

Era da tempo che mancavo l’appuntamento, per una ragione o per l’altra. Stamattina mi ci sono Rose 1messo d’impegno e ho trascorso qualche ora come non mi capitava da tanto. Fatelo anche voi, se vi capita.

Il Roseto comunale è uno dei posti più incantati e incantevoli di Roma. Si stende alle pendici dell’Aventino, a lato del Circo Massimo, ed è un giardino di circa un ettaro dove si può tranquillamente dimenticare tutto per qualche ora, Rose6conquistati dal fascino e dai profumi delle rose. Ce ne sono circa 1200 e provengono da tutti i paesi del mondo; la grande maggioranza appartiene all’antica collezione del Roseto e le altre sono le concorrenti all’annuale Premio Roma. I produttori le inviano due o tre anni prima del concorso, per farle acclimatare, e solo dopo, se premiate o selezionate, vengono messe in produzione e successivamente in commercio.
Il Roseto si stende su un’area dove nel III secolo a.c. – curiosa coincidenza – era stato eretto il tempio di Flora. Agli inizi del 1600 fu riservata al cimitero ebraico, che nel 1934 fu trasferito al Rose 5Verano per la sistemazione delle nuove strade della zona. Ma la nascita del Roseto è dovuta esclusivamente alla passione di un’americana, Mary Gayley Senni, che regalò la sua collezione alla città e che originariamente fu sistemata al Colle Oppio. Solo nel 1950 fu realizzata l’attuale sistemazione che, in ricordo dei sepolti di un tempo, ha mantenuto i cipressi originari e raffigura nella sistemazione delle aiuole una Menorah, il candelabro a sette braccia della tradizione ebraica, oltre a una stele con le tavole di Mosè alle due entrate.
Entrando dal cancello principale il Roseto presenta a destra l’area con le nuove varietà partecipanti Rose 8Rose 3al concorso nelle aiuole esterne, mentre al centro sono sistemate tutte le vincitrici delle precedenti edizioni, inclusa la prima, la Condesa de Sastago, nel 1933. Affascinante la fantasia dei nomi con cui i produttori battezzano i loro successi.
L’antica collezione, con esemplari anche molto rari, è ospitata nell’area più grande, a sinistra, e rappresenta l’evoluzione della rosa dall’antichità ad oggi. Le rose sono qui ordinate tra moderne, botaniche e antiche: queste due ultime sono le più interessanti per botanici e appassionati, perché la Rose 13Rose 13loro coltivazione iniziò un lento a declino verso la metà del XIX secolo, quando cominciò a svilupparsi il fenomeno dell’ibridazione con le rose cinesi che dette luogo alle rose cosiddette moderne. Dalle rose rampicanti o sarmentose a quelle a cespuglio fino ai minirosai: è una passeggiata nella grazia e nel bello, uno di quei regali che Roma dispensa generosamente a chi sa scoprirla.
Il Roseto apre di norma dopo il 21 aprile, il Natale di Roma, e resta aperto tutti i giorni dal mattino alla sera salvo che nel giorno della premiazione, per chiudere verso la metà di giugno. Per sicurezza, consiglio comunque una telefonata prima (06 5746810), o una mail (rosetoromacapitale@comune.roma.it ).

Rose 10Rose 11Rose 12

Annunci
ParteCivile

Noi andremo oltre.

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: