Burocradiozìa = idiozìa della burocrazìa

8 Mag

Il 17 gennaio di quest’anno qualcuno è stato beccato al telefono mentre guidava la mia auto. Sospetto mia moglie ma non ho le prove, così oggi sono andato a consegnarmi alla giustizia in qualità di proprietario dell’auto e farmi togliere i 5 punti dalla patente, come previsto dal Codice della strada.

Ed è qui che ho avuto l’ennesima riprova dell’idiozìa della burocrazìa. Per autodenunciarsi, la trafila è la seguente:
1. Recarsi presso l’ufficio dei vigili indicato nella lettera di accompagnamento;
2. Riempire il modulo che accompagna la contravvenzione.
3. Portare con sé la fotocopia della propria patente, corredata da un testo autografo fornito dai vigili.

Ora comincia il bello (si fa per dire, eh). Se date cortesemente un’occhiata alla prima foto, noterete che: Multa
a. vengono richieste le generalità e il domicilio del proprietario dell’auto (dati già in possesso dell’amministrazione);
b. il numero del verbale e la data in cui è stato elevato ( dati già in possesso dell’amministrazione e – non ridete, è una cosa seria – riportati sullo stesso modulo, guardate in alto a sinistra), nonché la data in cui è stata notificata (altro dato già in possesso dell’amministrazione);
c. i dati relativi alla patente (tutti già in possesso dell’amministrazione).

Poi c’è la fotocopia (che devi farti prima, ovviamente) della patente, su cui si deve riportare il testo fornito in anticipo e in cui confermi che la tua patente è proprio quella (per evitare che uno porti quella di un altro, immagino).
Multa 2Dopo di che consegni tutto allo sportello e cosa ti viene chiesto? Non ci crederete.
Mi hanno chiesto di mostrare la mia patente.

Ora i burocrati hanno tutto il diritto di esistere, per carità, ma non quello di agire sadicamente nei confronti dell’inerme cittadino. Non c’è un motivo al mondo per far perdere tempo al prossimo e all’impiegato allo sportello: tutti, ma proprio TUTTI i dati richiesti sono già ampiamente a disposizione degli uffici. Per quale motivo mi vengono richiesti nuovamente? Per ammucchiare carta e ingrandire gli archivi? La legge Bassanini è sconosciuta alla burocrazia? E non sarebbe ora che, in un’epoca in cui si può dialogare a distanza per fornire documenti, effettuare pagamenti, sottoscrivere contratti, eccetera, la burocrazia facesse uno sforzo per aiutare sé stessa (e i cittadini), semplificando le procedure, evitando di richiedere ottusamente informazioni stranote e, soprattutto, ridicolizzare sé stessa?

Ma ancora prima, si vuole finalmente portare l’Italia nel XXI secolo?

Annunci
ParteCivile

marziani in movimento

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: