L’appello per una nuova legge elettorale: uninominale a doppio turno

9 Nov

Qualcuno storcerà la bocca, è inevitabile. Ma solo continuando a sollecitare o meglio, a pungolare, il Parlamento e il governo gli elettori otterranno forse (ho detto forse) qualcosa.
Questa è la proposta formulata da quattro esperti (Giovanni Sartori, Luciano Bardi, Piero Ignazi, Oreste Massari), pubblicata da l’Espresso (l’articolo integrale segue sotto) e sottoscritta già da più di cento studiosi e politici.
Senza entrare nel merito delle altre cervellotiche proposte avanzate  negli ultimi mesi tanto per far perdere tempo e illudere gli italiani che si sta lavorando alacremente sulla questione, ormai rovente, a me pare che qui ci sia del buono e quantomeno una sana base di discussione.

Legge elettorale, appello di Sartori e Ignazi: “Doppio turno di collegio senza premio di maggioranza”

“Proponiamo alla politica di adottare una cosa semplice, che da più di 50 anni funziona in Francia”. L’Espresso presenta la proposta elaborata con Bardi e Massari e già sottoscritta da cento scienziati e politici italiani

“Ho promosso questo appello perché confido nella forza delle cose semplici. Ecco, proponiamo alla politica di adottare una cosa semplice, che da più di cinquant’anni funziona in Francia”. Così Piero Ignazi presenta all’Espresso l’appello, promosso con Giovanni Sartori, Luciano Bardi e Oreste Massari, e sottoscritto da più di cento scienziati politici italiani , per chiamare le Camere a cambiare in fretta il Porcellum, adottando un sistema elettorale maggioritario fondato sul doppio turno di collegio. Senza premio di maggioranza, “perché quello è un abominio”. Con un forte sbarramento, che si immagina del 15 per cento. E con il ritorno ai collegi “perché è utile ristabilire un rapporto più diretto col territorio”. Qualcosa di diverso dal cosiddetto “doppio turno di coalizione”, che è solo “una specie di Porcellum in cui si vota due volte”.

Ci vuole di certo un qualche ottimismo della volontà, visto che sinora il Parlamento non è riuscito a trovare la forza per fare in concreto granché. Ma Ignazi è fiducioso sulla capacità di ascolto della politica: “Ci sono molti parlamentari intelligenti e competenti, se non si fanno trascinare dal vizio dell’accordo miope, capiranno che questo è il passaggio importante, una scelta definitiva, e che non è una pezza, o un rimedio concepito per far contenti tutti nel brevissimo periodo. Avremmo finalmente quattro cinque partiti al primo turno, e al secondo due schieramenti, o al massimo tre, che si fronteggiano. Un sistema più chiaro e trasparente, sul quale possono trovarsi d’accordo tutti, dal Pdl ai Cinque stelle”.

Non a caso, sottolinea Ignazi, “i competenti, quelli che per professione si occupano di scienza politica, lo indicano come il sistema migliore”. Per ora, infatti, l’appello è stato fatto girare soltanto tra i soci della Società italiana di scienza politica, ed ha avuto “più di cento adesioni in poche ore”. Adesso, “tocca alla politica e alla società civile”.

I promotori dell’appello sottolineano come, in questa fase politica, sia indispensabile e urgente approvare in tempi brevi una nuova legge elettorale.

I due sistemi elettorali che hanno presieduto alla lunga transizione italiana dal 1993 ad oggi – il sistema misto, proporzionale per il 25% e uninominale a turno unico per il 75% (il cosiddetto Mattarellum), e il proporzionale con soglie di sbarramento e premio di maggioranza (il cosiddetto Porcellum) – sono entrambi falliti, non assicurando né governabilità, né contenimento della frammentazione partitica, né un rapporto di vera rappresentanza e responsabilità tra eletti ed elettori. Il Porcellum, in particolare, al di là di un possibile verdetto negativo della Corte Costituzionale, è oggi rifiutato e respinto da gran parte dell’opinione pubblica.

“Si impone quindi l’approvazione in tempi rapidi di un nuovo sistema elettorale – scrivono i firmatari – ma bisogna evitare che venga ancora una volta propinato un mostriciattolo, frutto di interessi settoriali, di vedute corte  e di compromessi al ribasso. Per queste ragioni abbiamo promosso un appello per un sistema elettorale maggioritario fondato sul doppio turno di collegio, e raccolto l’adesione di oltre cento scienziati politici italiani. Ci auguriamo che la classe politica, per una volta, non resti sorda alla voce di questa comunità scientifica”.

Appello per un sistema elettorale maggioritario a doppio turno

Riteniamo che sia tempo di adottare finalmente un sistema elettorale chiaro e trasparente nei suoi meccanismi e nelle sue potenzialità: il maggioritario a doppio turno, sul modello del sistema elettorale francese per l’elezione dei deputati dell’Assemblea nazionale.

A nostro avviso questo sistema ha almeno quattro vantaggi:
• riduce la frammentazione partitica;
• favorisce la costruzione di maggioranze alternative;
• legittima l’eletto con una ampia percentuale di votanti, spesso la maggioranza assoluta;
• facilita un rapporto diretto e potenzialmente più “fiduciario” tra cittadini e rappresentanti.

Più in dettaglio, questo sistema:
– non deprime la competizione, perché nessuno parte sconfitto: al primo turno un brillante candidato di un piccolo partito può superare la soglia di sbarramento;
– pur consentendo una competizione equa anche ai partiti minori, non favorisce la frammentazione in quanto la soglia di sbarramento punisce le liste velleitarie: ovviamente la soglia di sbarramento deve essere elevata, almeno il 15% dei votanti;
– facilita le aggregazioni tra i partiti al fine di presentare un candidato comune tanto al primo turno (per superare lo sbarramento) quanto e soprattutto al secondo turno (per vincere); 
– porta alla luce del sole e definisce prima del voto tali alleanze, prefigurando in tal modo le future coalizioni governative; 
– rinsalda, con il voto a un candidato nel collegio uninominale, il rapporto tra elettori e rappresentanti, superando le liste bloccate, ma senza le degenerazioni insite in un sistema con preferenze;
– legittima gli eletti in quanto nei loro collegi sono eletti con una quota di consensi elevata e, come insegna il caso francese, spesso a maggioranza assoluta.

Queste caratteristiche del sistema maggioritario a doppio turno ci inducono a ritenerlo il più adatto a contenere la frammentazione, a rafforzare i rapporti fiduciari elettori/eletti, a favorire la formazione di coalizioni e a scegliere la coalizione per il governo, consentendo una competizione bipolare e una democrazia dell’alternanza.

Giovanni Sartori
Luciano Bardi
Piero Ignazi
Oreste Massari

LEGGI TUTTI I FIRMATARI DELL’APPELLO

Annunci

2 Risposte to “L’appello per una nuova legge elettorale: uninominale a doppio turno”

  1. Riforme.info (@riforme_info) 09/11/2013 a 1:36 pm #

    Con il doppio turno, citazione testuale, si legittima l’eletto con una ampia percentuale di votanti, spesso la maggioranza assoluta;

    Ma questi esperti dove vivono?
    Gli ultimi dati reali sulle elezioni dei sindaci li hanno analizzati?
    Altro che il premio di maggioranza assurdo del Porcellum.
    http://www.riforme.net/editoriali/ed2012-23.htm

    Mi piace

    • pierofil 10/11/2013 a 10:55 pm #

      Sì, dei votanti, non (NON) degli elettori. C’è una differenza. Quanto all’elezione dei sindaci non si vede il nesso: qui si parla delle elezioni per il Parlamento.

      Mi piace

I commenti sono chiusi.

ParteCivile

Noi andremo oltre.

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: