Acqua bene comune (degli azionisti)

8 Ott

Ho appena fatto in tempo a pubblicare un post che riprendeva un allarme lanciato da Pippo Civati, che da Pistoia giunge questa notizia de l’Espresso: la Magistratura sta indagando i vertici della società Publiacqua per appropriazione indebita. Publiacqua fornisce il servizio idrico a Firenze, Pistoia, Prato e parte di Arezzo, cioè a circa 1.300.000 abitanti. La proprietà è suddivisa tra  una cordata di soci pubblici (60%) dove le quote maggiori sono del Comune di Firenze e di Consiag e Acque Blu Fiorentine (40%) dove la quota maggiore (circa 69%) è detenuta da Acea (Comune di Roma e Caltagirone).    Acqua non si vende

Ora facciamo un passo indietro e riepiloghiamo. Al referendum del 12 e 13 giugno 2011 ha trionfato il ‘sì’ all’acqua pubblica con il 54% dei consensi, pari a circa 26 milioni di voti: in sostanza, i cittadini hanno votato per  l’abolizione della “adeguata remunerazione del capitale investito dai gestori” e pertanto la bolletta dell’acqua non avvrebbe dovuto essere più gravata del 7% corrispondente al profitto del’impresa. In questi due anni però poco è stato fatto per ottemperare all’obbligo derivante dal risultato del referendum. A luglio di quest’anno l’EspressoIl Fatto Quotidiano hanno pubblicato ciascuno  un’inchiesta dai risultati affatto esaltanti: “L’Italia, da Nord a Sud, appare come un mosaico di situazioni differenti. Ci sono città, tra cui Ferrara, che hanno ridotto la partecipazione pubblica nelle multiutility, e Regioni, come la Toscana, che davanti alle richieste dei comitati hanno  Acqua bene comunechiuso la porta al dialogo. Ma anche comuni come Reggio Emilia, Napoli e Palermo, che invece hanno aperto la strada alla ri-pubblicizzazione delle risorse idriche“. E poi c’è l’Autorità per l’energia elettrica e il gas, che ha predisposto una delibera secondo la quale le tariffe dovrebbero addirittura aumentare. In sintesi, mancando la volontà politica (una legge) e un’azione di coordinamento e controllo della volontà referendaria, al vertice ognuno fa come gli pare, le tariffe non si abbassano e i privati continuano come se nulla fosse.

A questo punto sorge il sospetto che le lobby dell’acqua non si siano date per vinte – nonostante il referendum – e tentino con ogni mezzo di tornare in partita. Sospetto avvalorato dalla scoperta del progetto contenuto nel documento ‘Destinazione Italia‘ di cui ho parlato ieri e scoperto per primo da Civati.  Oggi la notizia di Pistoia: ce n’è d’avanzo per invitare tutti i cittadini a tenere gli occhi aperti: da quando in qua nel nostro Paese la volontà popolare viene rispettata, se di mezzo c’è l’interesse di qualcuno?

Annunci

Una Risposta to “Acqua bene comune (degli azionisti)”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Acqua bene comune (degli azionisti) | nandocan magazine 1 - 09/10/2013

    […] blog di Piero Filotico , 8 ottobre 2013 – Ho appena fatto in tempo a pubblicare un post che riprendeva […]

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

ParteCivile

marziani in movimento

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: