“Girls on the air”. Delicato e straordinario.

22 Giu

Nell’Afghanistan dei Talibani una ragazza che ha studiato giornalismo, Humaira, si batte contro l’ignoranza e le convenzioni, realizzando nel 2003 una radio, Radio Sahar. Ora l’informazione si espande nel paese, si confrontano opinioni, si ascoltano testimonianze. E in un luogo dove la guerra e la violenza, specie contro le donne, rappresentano ormai uno stato permanente, la coraggiosa voce di Humaira trasmette anche sogni, poesia, speranze.
“Girls on the air” è un piccolo gioiello.

Regia di Valentina Monti, operatore Alessio Valori

Annunci
ParteCivile

marziani in movimento

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: