“Girls on the air”. Delicato e straordinario.

22 Giu

Nell’Afghanistan dei Talibani una ragazza che ha studiato giornalismo, Humaira, si batte contro l’ignoranza e le convenzioni, realizzando nel 2003 una radio, Radio Sahar. Ora l’informazione si espande nel paese, si confrontano opinioni, si ascoltano testimonianze. E in un luogo dove la guerra e la violenza, specie contro le donne, rappresentano ormai uno stato permanente, la coraggiosa voce di Humaira trasmette anche sogni, poesia, speranze.
“Girls on the air” è un piccolo gioiello.

Regia di Valentina Monti, operatore Alessio Valori

Annunci
ParteCivile

marziani in movimento

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: