Piccole vergogne che diventano grandi

20 Mag

Quei dieci addetti della Forestale che in Calabria si assentavano regolarmente per farsi i fatti propri, documentando però la loro presenza per riscuotere comunque lo stipendio, rappresentano una delle nostre piccole vergogne italiane. Piccola per la cosa in sé, ovviamente. Ma provate a ipotizzare a quante volte lo stesso fatto può replicarsi in – poniamo – un mese negli uffici pubblici (e, sia pure con minor frequenza, nelle aziende private) e si avrà una pallida idea del danno arrecato alla comunità.
Non solo il danno economico, beninteso: il danno maggiore è quello arrecato all’etica. E’ il cattivo esempio che contagia, è il senso del dovere deriso e svillaneggiato. E’ questo un danno storicamente perpetuatosi per decenni nel nostro Paese, quasi tramandato attraverso le generazioni: l’esempio del padre assenteista non può non aver contaminato in buona misura l’attitudine del figlio che quando diverrà adulto e abile al lavoro considererà veniale e trascurabile l’assentarsi dal lavoro per qualche giorno, magari senza neppure peritarsi di cercare un certificato medico (e qui ci sarebbe da aprire un altro discorso sui medici lassisti e conniventi, ma ci saranno occasioni per parlarne).
Per non dire poi di quei commenti paradossalmente negativi che danno anch’essi la misura del deficit di morale: parlo dei colleghi che anzichè censurare l’assenza criticano le modalità che hanno portato alla scoperta del fatto: “sono stati stupidi, dovevano fare in quest’altro modo per non farsi scoprire”.
Ecco che allora una piccola vergogna diventa grande fino a rappresentare una vergogna nazionale, una piaga che riduce la produttività, rallenta lo sviluppo, mortifica il lavoro onesto, umilia il senso del dovere.  E’ calpestando il senso del dovere che si ignora anche l’altro fondamentale caposaldo di ogni civile convivenza: il rispetto per il prossimo. Ed è allora che si apre la via del declino che porta fatalmente al degrado, a casa come a scuola, sul posto di lavoro come nelle istituzioni, allontanandocisi sempre di più dal novero delle grandi nazioni.

Annunci
ParteCivile

marziani in movimento

PRIGIONI INVISIBILI

Pensate di essere liberi? sbagliato! siete esseri messi in prigioni invisibili (cit.D)

Uguali Amori

Considering the situation, I am reasonably self-possessed

un filo rosso

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

A Roma Si Cambia!

Culture e Competenze per l'Innovazione

nandocan magazine 1

note e proposte di un giornalista

Homo Europeus

L'Europa, la Gran Bretagna, l'Italia, la sinistra e il futuro...

PD MARCONI ROMA11 (ex15)

gli indomabili di Marconi. Zero sconti.

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

manginobrioches

Il cuore ha più stanze d'un casino

Testi pensanti

Gli uomini sono nani che camminano sulle spalle dei giganti. E dunque, è giusto citare i giganti.

Invece Sempre

(Ovvero Federica e basta)

ASPETTATI IL MEGLIO MENTRE TI PREPARI AL PEGGIO

(Cit. del Generale Aung San, leader della indipendenza birmana)

Valigia Blu

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

Internazionale

Riflessioni, commenti, divagazioni di un contemporaneo. E altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: